Villa Quadrio interni

Biblioteca civica Pio Rajna

La Biblioteca Civica di Sondrio nasce nel 1861 grazie alle donazioni di alcuni illustri cittadini di Sondrio.
Viene inaugurata ufficialmente il 1 luglio 1862 presso casa Maffei in via Lavizzari.
Nel 1887 viene trasferita  presso l’edificio dell’ex filanda Vallaperta, nell’area attualmente occupata dalla scuola Ligari e dagli edifici circostanti, già sede della Regia Scuola Normale, delle Civiche scuole elementari femminili e dell’asilo - giardino d’infanzia.
Nel 1930 è la volta di un trasferimento della sede presso Palazzo Sassi per accogliere la donazione della biblioteca personale del concittadino  Pio Rajna; la donazione verrà concretizzata nel 1931 e la biblioteca verrà intitolata all’illustre filologo.
Nel 1933 muore il nobile Emilio Quadrio e nel 1936 la vedova, Teresa Tua Quadrio, dona al Comune la residenza familiare con vincolo di destinazione ad attività culturali.
Nel 1936 la Biblioteca viene quindi trasferita in Villa Quadrio, edificio storico risalente ai primi anni del novecento.
Attualmente la Biblioteca Rajna occupa una superficie di circa 1800 mq, suddivisa in tre piani, di cui due completamente accessibili agli utenti ed un seminterrato adibito a deposito di libri e periodici.

 

Approfondisci

Dove

Palazzo Quadrio
Via IV Novembre 20 - Sondrio

Orario

Orario invernale:

lunedì 14:00 - 19:00
martedì 10:00 - 12:00  e 14:00 - 18:00
mercoledì 10:00 - 18:00
giovedì 10:00 - 12:00  e 14:00 - 18:00
venerdì 10:00 - 12:00  e 14:00 - 18:00
sabato 9:00 - 12:00

Orario estivo:

lunedì 14:00 - 19:00
martedì  10:00 - 12:00  e 14:00 - 18:00
mercoledì 10:00 - 18:00
giovedì 10:00 - 12:00  e 14:00 - 18:00
venerdì 10:00 - 12:00  e 14:00 - 18:00

Accessibilità

La Biblioteca Rajna è ospitata in un edificio facilmente accessibile attraverso un ascensore posizionato sul lato di via Don Bosco.
Ospita anche un Baby Pit Stop, punto di allattamento fornito anche di un fasciatoio per il cambio del pannolino dei bimbi più piccoli.

Contatti
Ti segnaliamo
Ti segnaliamo - biblioteca

Sulle tracce dell'uomo selvatico: folklore, letteratura e arte per una figura tra mito e storia

di Massimo Centini

Uomini dall'aspetto ferino e dall'indole ambigua che vivono nei boschi più impenetrabili, che non hanno bisogno di noi e, soprattutto, che ci fanno paura.

Vai al dettaglio

Eventi

Parco della rimembranza
2019-01-28
2019-01-28
28
gen
2019
Manifestazioni

Giorno della Memoria

Eventi per commemorare le vittime dell' Olocausto