MVSA
Collezione Piperata

Collezione Piperata

È stata recentemente esposta, al primo piano del MVSA, una selezione di opere appartenenti alla Collezione Piperata, donata al Comune di Sondrio nel 1976.

Giuseppe Piperata nacque a Lussinpiccolo (Croazia) nel 1883. Gli studi di medicina lo portarono a Napoli e a Vienna, dove maturarono in lui due grandi passioni: l’Arte e la Musica.
Già a Napoli, da studente, aveva cominciato a raccogliere, a volte con grandi sacrifici, le prime opere della sua collezione: saltò la cena per un intero mese per acquistare un ritratto del Seicento napoletano che gli stava a cuore.

La collezione, conservata nella casa natale di Lussinpiccolo, dopo la seconda guerra mondiale, fu confiscata dalle autorità dell’allora Yugoslavia e oggi è in esposizione permanente al Museo della cittadina croata.
Il dott. Piperata, dopo aver lavorato in India e in Egitto, nel 1937 arrivò a Sondrio come medico provinciale e anche in Valle continuò con passione la sua attività di studioso, collezionista d’Arte.
Il trasferimento in loco fu l’occasione per un cambiamento nella tipologia delle opere acquistate: non più oggetti antichi, bensì dipinti di pittori contemporanei valtellinesi o che operavano in Valtellina.

 

Didascalie delle opere

Valter Vedrini, Natura morta, 1964. Olio su tela, 50x40 cm
Angelo Vaninetti, Cascata in Valmasino, 1967. Olio su masonite, 60x50 cm
Francesco Carini, San Martino, 1950 ca. Olio su compensato, 40x35 cm