Palazzi
 
 

Palazzo Muzio

Capolavoro litico senza tempo, il palazzo è posto nel baricentro ideale della Sondrio contemporanea, tra le piazze Garibaldi e Campello e la stazione.
Fu progettato dall’importante architetto milanese Giovanni Muzio nel 1930, per ospitare gli Uffici di Provincia, Prefettura e Questura.

Il palazzo occupa buona parte dell’isolato urbano compreso fra le vie Vittorio Veneto e XXV Aprile, tra loro connesse attraverso il passaggio coperto e la corte interna intorno alla quale si articola il palazzo.

Le due imponenti torri rappresentano, gerarchicamente, la Prefettura (più alta, sul lato ovest) e la Provincia. Muzio ha ripreso, modificandoli, i caratteri dell’architettura locale, come i graffiti a losanghe delle facciate, e ha utilizzato pietre della Valtellina e della Valchiavenna lavorate secondo metodi locali.
Lungo le pareti della sala consiliare sono custoditi sei encausti di Gianfilippo Usellini (1934), che raffigurano attività lavorative valtellinesi.
All’interno degli uffici del Prefetto e del Presidente della Provincia Muzio progettò due stüe realizzate in legno di cirmolo con disegni geometrici.

Approfondisci

Dove

Corso XXV Aprile, 22 - Sondrio

Orario

Del palazzo della Provincia sono liberamente visitabili il portico-galleria e il cortile
da lunedì a sabato, dalle ore 08.00 alle 19.00

 

Da non perdere

Una visita alla sala del Consiglio provinciale con i dipinti di Gianfilippo Usellini, su prenotazione:
+39 0342 531228 – informazioni@provinciasondrio.gov.it

 

Potrebbe interessarti anche...